Migliori gin: costoso non vuol dire pregiato!

0

Migliori gin, dipende dal prezzo? Non sempre. Su Rivoldrink, vendita gin online, si possono trovare offerte che si riferiscono anche ai migliori gin in circolazione. Prima di pensare al prezzo, è importante verificare quali sono le caratteristiche del distillato e qual è il migliore in base all’uso che se ne fa.

Cosa rende davvero un gin pregiato? Ecco quali sono i distillati in circolazione che fanno la differenza. Se si trovano online, si possono scegliere senza pensare al cartellino del prezzo!

Quali sono i gin più buoni

Quali sono i migliori gin secondo i gusti? I gin più buoni sul mercato sono:

  1. Hendrick’s Gin 44%. Il numero indica il tasso alcolico. Proveniente dalla Scozia, ha tra gli ingredienti la rosa e il cetriolo, più altre 11 essenze botaniche. Si caratterizza per l’aspetto chiaro e il finale secco al palato.
  2. Tanqueray n. Ten. Se per i profumi esiste lo Chanel n. 5, per il mondo del gin c’è il Tanqueray n. Ten. Di provenienza scozzese e con il 47,5% di tasso alcolico, si presta benissimo per la preparazione del Martini.
  3. Whitley Neill Raspberry. Il gin rosso con sentore di sottobosco è di provenienza scozzese. Dolce e rotondo, si usa sia da solo che per la miscelazione.

Qual è il gin più pregiato

Il gin più pregiato è anche il più costoso al mondo. A titolo di curiosità, si chiama Watenshi Gin. Il suo prezzo è di circa 2.800 euro a bottiglia. Ha un costo così elevato per via della lunga lavorazione per ottenerlo.

Infatti, sono necessarie 50 distillazioni per ottenere il vapore necessario che, una volta raffreddato e passato allo stato liquido, si trasforma nel gin. Per ottenere un gin pregiato, però, non serve spendere così tanto.

Un distillato come l’Amuerte ha varietà in edizione limitata e foglia d’oro 24 carati su una bottiglia dipinta a mano, ma non ha un prezzo così esagerato. Non si può dire, però, che non sia un gin pregiatissimo. Infatti, una volta assaggiato dimostrerà tutto il suo valore.

Qual è il miglior gin italiano

Anche l’Italia ha tantissimi gin a disposizione. Infatti, anche se il nostro Paese è la patria del vino, può vantare produzioni pregiate anche per i distillati. Quali sono i migliori gin nostrani?

  1. La caratteristica principale di questo gin è che le botaniche vengono estratte una a una. Poi vengono distillati due volte con un alambicco. Per questo distillato, il grano deve essere biologico.
  2. Marconi 46. Prodotto ad Asiago, ha tra le note: ginepro, pino cembro, cardamomo, uva, menta e pino mugo. Il gin si chiama così perché è la via dove si trova la distilleria ed è un omaggio al celebre inventore.
  3. Malfy Gin Rosa. Con gradazione alcolica al 41%, il gin italiano ha 9 botaniche. In più, gli agrumi lo rendono fresco in qualsiasi periodo dell’anno. L’aspetto lo rende subito riconoscibile, perché il distillato è di color rosa.

Migliori gin per gin tonic

Per poter creare l’abbinamento perfetto tra gin e acqua tonica, serve un distillato morbido e aromatico. Anche il palato vuole la sua parte. Per andare sul sicuro, ecco quali sono i migliori gin per gin tonic.

  1. Gin mediterraneo o Gin Mare. Con una gradazione alcolica del 42,7%, questo gin di provenienza spagnola ha anche una parte d’Italia. Infatti, tra gli ingredienti ci sono il basilico italiano e il timo. La confezione è generosa e da circa un litro. Il gusto è fresco ed equilibrato, ideale per il gin tonic.
  2. Monkey 47 Schwarzwald Dry Gin. Di provenienza tedesca, questo distillato ha il 47% di volume. Dall’aspetto cristallino, è noto per la gran varietà di spezie utilizzate, oltre al ginepro, agli agrumi e al pepe.
  3. Bombay Sapphire. Con gradazione alcolica al 40%, questo distillato è il classico London Dry Gin. Non può mancare non solo ai collezionisti, ma anche a chi semplicemente apprezza il gin ogni tanto. Infatti, è la base perfetta per qualsiasi gin tonic. Il finale è speziato.
  4. Roku Gin. Di provenienza giapponese, ha un tasso alcolico del 43%. Morbido al palato, ha note floreali tipiche del mondo orientale e il pepe Sichuan. In più, ha un gusto armonico e ha la sua complessità, apprezzabile solo da veri intenditori.
  5. Brockmans Gin. Proveniente dal Regno Unito, questo è tra i migliori gin del Paese. Con frutti di bosco e sentori speziati, ha una gradazione alcolica del 40%.

Migliori gin e dove trovarli

Per un aperitivo speciale con gli amici o per un’occasione speciale all’esterno, i migliori gin fanno la differenza. Per trovarli e avere la certezza sulla provenienza, ci si può rivolgere allo shop Rivoldrink! L’attività all’ingrosso è perfetta per i veri intenditori di distillati, che amano collezionare le bottiglie e ottenere il migliore gin per ogni occasione!

Share.

Comments are closed.